<< VIVIMEGLIO ALZHEIMER >>

Una migliore qualità di vita attraverso la riprogettazione sistemica dei nuclei Alzheimer

 ANALISI DEL BISOGNO

E’ facilmente deducibile che comportamenti anomali rientranti nella sfera sintomatologica di malati di Alzheimer si manifestano maggiormente quando l’ambiente circostante non è idoneo alle esigenze del paziente.
 Risulta quindi indispensabile offrire agli assistiti un contesto strutturale adeguato, che influirà direttamente e positivamente sulla loro qualità di vita.

RISPOSTA AL BISOGNO

  • Il miglioramento della qualità della vita passa attraverso l’adeguamento degli spazi con la realizzazione di un AMBIENTE PROTESICO simile a un’abitazione, di aspetto familiare e riconoscibile.
  • Tali spazi rispetteranno nelle caratteristiche, nella conformazione e nell’organizzazione il loro MODELLO COMPORTAMENTALE e dovranno favorire lo svolgimento 

    delle attività terapeutiche previste.
  • La definizione 
degli ambienti fonda 
la sua efficacia 
 sull’interazione dinamica tra:
    -  OPERATORI SANITARI
    - PROGRAMMI TERAPEUTICI
    - SPAZIO FISICO PROGETTATO E REALIZZATO IN BASE AI REQUISITI SUGGERITI DALL’OSSERVAZIONE E INTERPRETAZIONE DEI COMPORTAMENTE DELL’OSPITE.
  • Dare importanza all’interazione dell’ospite con l’ambiente significa anche prevedere spazi per le FAMIGLIE ed i VOLONTARI, anch’essi beneficiari del progetto.